fbpx

I NUOVI CRITERI AMBIENTALI MINIMI PER AMBIENTI CIVILI E IN AMBITO SANITARIO PUNTANO SULLA SOSTENIBILITÀ

LE PRINCIPALI NOVITÀ DEI NUOVI CAM:

  • Sono stati resi uniformi i requisiti dei detergenti e dei disinfettanti (anche nelle pulizie in edifici e ambienti ad uso civile si possono utilizzare disinfettanti senza vincoli nei formulati);
  • Sono stati introdotti requisiti sui macchinari, sui prodotti ausiliari e sui detergenti più sfidanti, per tener conto dell’evoluzione dei mercati di riferimento;
  • Sono stati inoltre armonizzati, per quanto tecnicamente possibile, i due documenti di CAM (pulizie in ambienti civili e pulizie e sanificazione in ambienti sanitari).
  • È stata approcciata l’efficacia del servizio anche nei servizi di pulizia in ambienti civili;
  • È stato modificato il criterio premiante: annullati i margini di soggettività nella valutazione delle offerte;
  • Sono stati valorizzati gli offerenti che si impegnano ad eseguire il servizio con l’impresa, il ramo d’azienda o la divisione in possesso dell’Ecolabel (UE) sui servizi di pulizia (Decisione 2018/680/UE);
  • Sono state valorizzate, con apposito criterio premiante, le tecniche di pulizia e sanificazione innovative, che consentono di ridurre gli impatti ambientali e ottenere migliori risultati in termini di efficacia del servizio.
  • È stato chiarito meglio il campo di applicazione dei CAM per i servizi di pulizia in ambienti civili (ambienti interni ed esterni di edifici ad uso civile, treni, aeromobili, natanti e assimilati)
  • È stato introdotto il vincolo di adottare criteri ambientali anche per gli appalti di fornitura di prodotti in tessuto carta per l’igiene personale e per i detergenti delle mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *